Cerca
Festività Natalizie SoloAnimali rimarrà regolarmente aperta durante il periodo delle Festività Natalizie. Tuttavia non potremo garantire
le normali tempistiche di consegna (24/48h). Buon Natale e Felice Anno Nuovo da SoloAnimali.it

Pet therapy, intelligenza emotiva più sviluppata grazie agli animali e adulti più responsabili!

È scientificamente dimostrato che la presenza di un animale in famiglia migliora la qualità della vita e aiuta a implementare le relazioni con gli altri; soprattutto nei bambini, trascorrere del tempo in compagnia di un animale facilita lo sviluppo dell’intelligenza emotiva. Si tratta di quell’intelligenza che è in grado di fornire al bambino il giusto equilibrio tra ragione e sensazioni, permettendo l’espressione dei sentimenti in modo corretto e portando a riconoscerli nel prossimo.

Come funziona la Pet therapy?

Con il riconoscimento della Pet therapy viene sancito per la prima volta nella storia del nostro Paese il ruolo affettivo che un animale può avere nella vita di una persona, nonché la valenza terapeutica degli animali da compagnia. Queste terapie si svolgono non solo in contesti terapeutici ma anche educativi o ludici e funzionano grazie alla relazione che si instaura fra un animale domestico (principalmente il cane) e un utente: una sintonia complessa e delicata che stimola l’innesco emozionale e favorisce l’apertura a nuove esperienze, nuovi modi di comunicare, nuovi interessi. L’animale non giudica, non rifiuta, si dona totalmente, stimola sorrisi, aiuta la socializzazione, aumenta l’autostima e non ha pregiudizi.

Quali sono i benefici nei bambini?

I bambini che trascorrono la loro vita in compagnia dei nostri amici a quattro zampe, iniziano a prendersi cura del proprio cane fin da piccoli; sviluppando così, non solo più compassione e rispetto verso gli animali domestici, ma anche per gli altri esseri umani. Prendersi cura del proprio animale trasmette nel bambino un senso di indipendenza e responsabilità. Cani e bambini non solo si divertono a giocare insieme ma trascorrono diverse attività di sviluppo cognitivo; il bimbo che parla con il cane o addirittura legge un libro insieme a lui, supera insicurezze e altri problemi legati, ad esempio, al parlare. In sua compagnia diminuisce il battito cardiaco e calano le ansie e le paure. Inoltre, favorisce la piena espressione delle persone, che tra gli umani si riduce di solito solo al linguaggio verbale. Non a caso esistono i cani da lettura usati nella Pet therapy dei bambini dislessici. Molte volte i bambini hanno difficoltà ad esprimere i propri sentimenti e un cane può essere di grandissimo aiuto!

Chi ne trae maggiori benefici?

Nella maggioranza dei casi vengono attivati interventi con bambini, anziani, persone con disabilità o disturbi psichiatrici. Interagire con un animale può voler dire per un bambino sviluppare processi di apprendimento più rapidi e imparare a prendersi cura di qualcuno diverso da sé. grazie alla relazione con l’animale possono trovare nuovo entusiasmo e motivazione nell’affrontare piccoli compiti quotidiani e sperimentare una modalità facile e spontanea di interazione. Accarezzarlo e coccolarlo provoca un gradevole contatto fisico e stimola creatività e capacità di osservazione.

E quando i bambini crescono?

Con ragazzi pre-adolescenti e adolescenti, il rapporto con l’animale può diventare invece il mezzo per stimolare vissuti e riflessioni su concetti importanti come il rispetto, la fiducia, la reciprocità: si usa la terapia, ad esempio, nei progetti di prevenzione al bullismo.

Ci sono animali più indicati di altri?

Le Linee Guida Nazionali raccomandano di coinvolgere negli interventi solo animali da compagnia, quindi cani, gatti, conigli, asini e cavalli. Ogni animale deve essere certificato, deve avere requisiti sanitari e comportamentali, attitudinali e di capacità, valutati da un veterinario esperto in Pet therapy. Requisito imprescindibile è comunque la relazione tra il pet e il suo conduttore, cioè colui che lo ha addestrato e sarà presente in tutte le sedute di terapia; solo questo legame permette la buona riuscita di un trattamento.

La Pet Therapy può sostituire le terapie tradizionali?

Tutti i promotori della Pet Therapy convergono nel sostenere che si tratta di una co-terapia che non vuole sostituirsi alla psicoterapia, fisioterapia e soprattutto non può rimpiazzare la terapia farmacologica. Nasce e si sviluppa con l’obiettivo di essere una terapia aggiuntiva per facilitare e favorire un decorso positivo delle altre terapie in atto.


Diteci la vostra! Partecipate alla comunità e raccontateci le vostre esperienze